Scopri l’evoluzione delle Arti Visive

Le arti visive sono nate alla fine della seconda guerra mondiale e da allora sono state un importante catalizzatore di emozioni, sentimenti e idee che hanno ripercussioni su chi le apprezza; Oltre ad essere utilizzato per trasmettere ciò che senti e pensi sotto forma di messaggio grafico; scoprine l’interessante evoluzione durante la lettura di questo post.

Cosa sono le arti visive?

Si tratta di un insieme di rappresentazioni artistiche a carattere visivo, costituite da discipline tipiche di quelle presenti nella seconda metà del XX secolo, a cui si sono aggiunti tutti quelli nati dall’apparizione dei nuovi media e delle tecnologie digitali.

In questo ordine di idee, si può affermare che le arti visive comprendono soggetti come il disegno, l’incisione, la scultura, la pittura, la fotografia, la video arte e persino i graffiti. Aggiungendovi le espressioni dell’arte digitale.

Tutte queste discipline che fanno parte delle arti visive sono caratterizzate da armonia, uso corretto del colore, spazio e composizione; oltre a un perfetto equilibrio di luce, movimento, ritmo, prospettiva e trama; che gli conferisce un valore estetico impressionante.

Con detti elementi considerati come una forma di linguaggio visivo o se si vuole codice; ogni artista trasmette allo spettatore un’esperienza particolare.

Se sei interessato a questi argomenti, ti invitiamo a leggerli di più negli articoli già pubblicati nella nostra sezione blog e a condividerli con i tuoi amici.

Evoluzione delle arti visive

Il termine arti visive iniziò ad essere utilizzato all’incirca nell’anno 1980, per ampliare il suo campo di copertura, poiché in precedenza si usava il nome arti plastiche, per raggruppare tutto ciò che riguarda incisioni, sculture, disegni, dipinti o fotografie. .

Ma poiché ci sono modi diversi di fare arte e in questo senso si usano criteri di produzione o classificazione diversi; consentire agli artisti di circolare in varie aree creative; si è ritenuto opportuno cambiarne la nomenclatura per raggruppare sotto questo termine molte altre aree legate a questo art.

Cominciarono ad essere utilizzate idee attraverso le quali definire le opere che rappresentavano un campione di arte visiva; essendo in questo caso il seguente:

  • Quando l’artista utilizza una quantità illimitata di risorse e stili; includendo non solo quelli antichi ma anche quelli contemporanei.
  • Sono il prodotto di attività di circolazione e di sperimentazione, all’interno delle quali l’artista parte da una disciplina come base; come la fotografia, ma lo valorizza con altre tecniche estetiche per dargli continuità, incorporando nuovi supporti e materiali.
  • Comunicazione fluida tra artisti di diversi paesi del mondo, che si traduce in una globalizzazione della loro arte attraverso Internet.
  • Integrazione del linguaggio artistico dotandolo di elementi tipici di ogni cultura, che porta ad una produzione di stili simili all’interno di uno scenario internazionale.
  • Ricerca di nuove strategie espositive, orientate alla forma dell’arte visiva; per attirare l’attenzione del pubblico in mostre innovative.

L’evoluzione delle arti visive ha portato ogni artista a smettere di essere un mero rappresentante delle immagini, per diventare qualcuno che, con il proprio talento, capacità, capacità, capacità creativa e immaginazione, esprime un sentimento, lo comunica e lo trasmette; come estensione di quelli all’interno.

Vale a dire; Le sue opere non hanno solo un valore estetico e funzionale; ma uno strumento per ricreare mondi naturali o fantastici; combinando magistralmente materiali e tecniche; che servono ad esprimere come percepisce l’ambiente che lo circonda.

È possibile apprendere le arti visive fin dall’infanzia, infatti è un apprendimento imprescindibile, poiché attraverso di esse si esplora una forma di comunicazione rappresentata da un linguaggio artistico utilizzando diversi strumenti.

Le arti visive nel corso degli anni sono servite a sviluppare espressioni creative naturali, espandere la realtà e compiere una missione estetica e ideologica.

È un elemento con cui viene data sensibilità allo spettatore e molti spazi diventano luoghi in cui è possibile catturare l’espressione artistica di notevoli geni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.