sonori che riecheggiavano lungamente nel silenzio. Avevano

abbassato i loro sguardi su una radura sottostante soleggiata e

protetta dai venti, quando uno spettacolo inimmaginabile li

immobilizzò. Un numeroso branco di camosci aveva trovato  

riparo dal freddo pungente in quel luogo esposto a sud. Corna 

                                          uncinate ornavano i loro capi attenti  

                                         ad ogni suono sconosciuto ed un folto

                                              mantello li proteggeva dai venti di

                                     tramontana. Due di loro stavano lottando 

                                        senza troppa convinzione ai margini del

                                               branco e le loro corna scontrandosi

                                             producevano quel caratteristico cozzo

                                          che aveva attirato l'attenzione dei nostri

                                           amici. Gli altri, per lo più femmine e

                                            giovani esemplari, stavano riposando

                                             o brucando le rare erbe invernali.

                                        Nessun animale era sembrato loro così

                                          fiero di vivere fra quelle rocce, il vero

                                         padrone di ogni sentiero, di ogni guglia,

                                           di ogni canalone era lui, il camoscio.

                               Avevano cercato di non turbare la loro pacifica

esistenza facendo un giro largo e così si erano trovati ben presto a

percorrere tutti i Piani della Cavallazza addentrandosi fra i primi

larici e i primi abeti. Risalendo poi un piccolo pendio avevano avuto

la sensazione di essere su di un vero e proprio pulpito sovrastante


13

Indietro Avanti

 

copyright© 2002 intra i sass
all rights reserved - http://www.intraisass.it